In relazione ai singoli casi concreti, la disciplina della successione testamentaria non risulta essere incompatibile con la contestuale applicazione delle regole di diritto che governano la successione ab intestato (o legittima), potendo le due regolamentazioni giuridiche coesistere e trovare simultanea attuazione, ciascuna nella sfera di rispettiva competenza, ove residui una porzione del patrimonio ereditario di cui il de cuius non abbia disposto con testamento.

(Cassazione 20/06/2017, n. 15239; Cassazione 07/04/97, n. 2968; e Cassazione 05/03/70, n. 543)