Dall’analisi del dettato normativo degli articoli 63, 64, 69 e 73 cod. civ., emerge che in materia di devoluzione degli elementi attivi del patrimonio ai successori del de cuius, la dichiarazione di morte presunta dello stesso determina la successione mortis causa dei presunti eredi del dichiarato morto.

Dalla lettura degli articoli 58 e 61 cod. civ., inoltre, si evince che l’apertura di tale successione è individuabile nel momento a cui è fatta risalire la morte presunta. È a questo momento, quindi, che in forza del successivo articolo 459, retroagiscono gli effetti dell’accettazione dell’eredità resa possibile dalla precedente delazione ereditaria conseguente all’esecutività della sentenza dichiarativa della morte presunta.

(Cassazione 17/08/2016, n. 17133; e Cassazione 24/01/81, n. 536)