Posto che a termini dell’art. 473 c.c. le persone giuridiche diverse dalle società possono accettare le eredità loro devolute soltanto con il beneficio d’inventario, in caso di accettazione divenuta inefficace per inosservanza di detta norma, non potendo trovare applicazione, per evidente incompatibilità, la diversa disposizione che stabilisce che il beneficiario è da considerare erede puro e semplice, si deve escludere che sussista alcuna accettazione.

Cassazione 29/09/2004, n. 19598