L'acquirente di un edificio in corso di costruzione, in caso di inadempimento della parte venditrice, può escutere la fideiussione che gli è stata rilasciata dall'impresa costruttrice in sede di stipula del contratto preliminare solo se detto contratto preliminare è ancora vigente. (Fattispecie relativa al caso di un acquirente che, dopo l'inadempimento del venditore, aveva preteso il versamento di una somma pari al doppio della caparra confirmatoria e, inoltre, aveva escusso la fideiussione che gli era stata rilasciata dal venditore in sede di stipula del contratto preliminare per ottenere il rimborso degli acconti versati).

Cassazione civile sez. III, 29/08/2019, n.21792